09 February 2022

DONATION CROWDFUNDING

La prima forma ‘classica’ di crowdfunding è il donation-based, ossia un modello tipico di donazione, in cui si devolve altruisticamente il proprio denaro a sostegno di una causa specifica, non ricevendo – in cambio – alcuna ricompensa o, al massimo, ricompense simboliche, spesso intangibili.

Il funzionamento del modello è piuttosto semplice.

I donatori, che – in gergo – vengono chiamati backer, possono visualizzare le campagne di raccolta fondi all’interno di specifiche piattaforme online (i cosiddetti portali di donation crowdfunding). Fra i progetti disponibili, essi possono scegliere quale oppure quali sostenere, ossia aiutare. Non è, per altro, insolito trovare siti Internet rivolti alla raccolta di denaro per un’unica finalità.

La disciplina giuridica delle elargizioni tramite donation crowdfunding, in generale, fa riferimento al Codice Civile italiano, al cui interno le donazioni sono definite come contratti attraverso i quali, per spirito di liberalità, una parte arricchisce un’altra andando a disporre a favore di questa di un suo diritto oppure andando ad assumere una obbligazione verso la stessa.

La donazione è, quindi, un atto ‘liberale’. Chi la effettua non si aspetta alcun beneficio materiale in cambio e tanto meno alcun tipo di ricompensa, se non simbolica. Piuttosto vi è una esplicita volontà per dare il proprio contributo allo scopo di partecipare alla realizzazione di progetti rivolti a finalità sociali, culturali, ambientali, assistenziali e così via. Spesso, sono infatti motivazioni filantropiche a spingere i benefattori a offrire le somme necessarie al completamento delle campagne.

A tal proposito non deve stupire se sono le organizzazioni no-profit le realtà che ricorrono principalmente al modello donation-based, fra tutte le tipologie di crowdfunding esistenti. Per di più le donazioni verso organismi costituiti in forma di Onlus (Organizzazioni non lucrative di utilità sociale), possono consentire ai sostenitori di beneficiare di alcuni sgravi fiscali: un incentivo ulteriore per ricorrervi.

A proposito di mondo non for profit, il donation crowdfunding si può anche declinare nella modalità del personal fundraising che consente, a chiunque sostenga «una ‘buona causa’, di attivare una campagna personale di raccolta fondi» per supportarla.

Torna agli approfondimenti