22 June 2022

REWARD CROWDFUNDING

Il Reward crowdfunding è la tipologia di crowdfunding più utilizzata, si basa tutto sul riconoscimento di una ricompensa (reward) a favore di chi decide di investire le proprie risorse nella campagna.

La ricompensa può essere di tipo materiale (il prodotto o servizio offerti dall’azienda) o immateriale, espresso tramite gratitudine, riconoscimenti e ringraziamenti pubblici.

Solitamente si prevedono diverse classi di reward in base all’ ammontare versato, in modo da incentivare i membri della rete ad investire maggiori somme di denaro.

Inizialmente la consegna di una ricompensa era nata come “riconoscimento simbolico” per chi prendeva parte a raccolte fondi benefiche o no-profit, mentre oggi spesso la ricompensa diventa una prevendita e, dunque, si parla di pre-selling crowdfunding; anche se, a differenza di una vera e propria vendita anticipata dei prodotti, i finanziatori, sono molto coinvolti nella determinazione delle caratteristiche del bene. Infatti, in genere, chi finanzia ha un ruolo determinante nello stabilire le caratteristiche del futuro prodotto/servizio.

L’utilizzo di questa campagna può essere definito “strategico“ dal punto di vista dell’imprenditore, che così facendo può farsi un’idea di quella che sarà la potenziale richiesta del mercato per quanto riguarda il bene che si sta lanciando.

Possono esserci due differenti meccanismi legati alla campagna:

  • Keep it all: anche se non è stato raggiunto l’obbiettivo minimo di fondi da raccogliere, la minor somma raccolta non viene redistribuita ai finanziatori, ma resta all’imprenditore che ha lanciato la campagna.
  • All or nothing: solo al raggiungimento dell’obbiettivo minimo di fondi raccolti, questi restano a colui che ha lanciato la campagna, se l’obbiettivo non viene raggiunto i fondi raccolti vengono redistribuiti ai finanziatori.

Per chi decide di investire in una campagna di questo tipo, il principale vantaggio è sicuramente quello di ricevere un bene fisico con un valore ben definito, piuttosto che ricevere delle quote azionarie con valore variabile. Inoltre, capita spesso che il bene fisico sia ricevuto in anteprima ad un prezzo vantaggioso rispetto a quello che poi sarà il prezzo di lancio una volta conclusa la campagna.

Per chi invece decide di lanciare una campagna reward, il principale vantaggio è sicuramente quello di poter attrarre un gran numero di finanziatori offrendo loro un bene o comunque una ricompensa, ma senza dover riconoscere a questi delle quote come nelle campagne di tipo equity, evitando che diventino soci.

Torna agli approfondimenti